Ginecologia ed ostetricia

La visita ginecologica è consigliata ogni qualvolta insorgano problematiche legate al ritmo mestruale, alla quantità di flusso, ai dolori pelvici e alle infiammazioni (vaginiti).

La citologia cervico-vaginale (Pap Test), in assenza di fattori di rischio o di sintomatologia clinica, viene eseguita entro un massimo di tre anni dal precedente controllo. Il papilloma virus, infezione sessualmente trasmessa nonché fattore di rischio oncogeno, si può identificare tramite l’HPV Test.

 

Richiedete una visita ginecologica o un Pap Test a Studimed Cadorna di Padova.

ECOGRAFIE GINECOLOGICHE ED OSTETRICHE - FLUSSIMETRIA DOPPLER IN GRAVIDANZA

L’ecografia è finalizzata a valutare l'impedenza al flusso (resistenze vascolari) nella circolazione della madre, della placenta e del feto. È eseguita utilizzando il Color Doppler che permette di visualizzare il flusso sanguigno in un vaso e il Doppler pulsato (spettrale) che permette di valutare le velocità del flusso sanguigno.

Si esegue durante l'ecografia morfologica per valutare il flusso nelle arterie uterine materne, nel terzo trimestre (in genere tra le 28 e 32 settimane) combinato all'ecografia di accrescimento. In casi a rischio viene eseguito a 11-14 settimane durante la valutazione della translucenza nucale per valutare la normale formazione della placenta. In condizioni di rischio e nelle gravidanze gemellari viene eseguita a partire dalla 24.ma settimana ad intervalli stabiliti dalla severità del quadro clinico.

La presenza di anormali resistenze vascolari a livello delle arterie uterine a 20 (o 11) settimane permette di predire un elevato rischio di sviluppare nel 3° trimestre gravi patologie materne come l'ipertensione gestazionale, la pre-eclampsia (gestosi) e un ritardato accrescimento del feto (IUGR). Nel 3° trimestre permette di controllare le resistenze vascolari del feto direttamente correlate alla sua ossigenazione e i suoi meccanismo di compenso nei casi in cui siano ridotti.

PAP TEST E RICERCA HPV (Human Papillomavirus)

Il Pap test è un esame semplice e veloce (pochi minuti) utilizzato per la prevenzione del tumore del collo dell'utero (cervice uterina).
L'esame si effettua dopo aver introdotto in vagina lo speculum in modo da rendere visibile la cervice uterina. Il prelievo avviene passando e ruotando delicatamente la spatola di Ayre sul collo dell'utero e in seguito introducendo un tampone o uno spazzolino (cytobrush) nel primo tratto del canale cervicale.

Il materiale così ottenuto, viene strisciato su un vetrino, fissato con una apposita sostanza e, in un secondo momento, colorato e valutato dallo specialista citologo. La Ricerca HPV consiste nel prelievo di una piccola quantità di cellule dal collo dell'utero che vengono successivamente analizzate per verificare la presenza di DNA del Papilloma virus.